Chi è e cosa fa il biologo nutrizionista

Il moderno mercato dei nutraceutici, alimenti funzionali composti da principi nutritivi, che hanno effetti benefici sulla salute, ha acceso i riflettori sul mondo della nutrizione. Ha motivato molte persone a prendersi più cura di sé, cercando attraverso i professionisti del settore, soluzioni efficaci per intraprendere un nuovo cammino verso un’alimentazione più sana e bilanciata. Scopriamo chi è e cosa fa il Biologo Nutrizionista.

Ma chi sono davvero i professionisti in grado di aiutare chi vuole imparare ad alimentarsi in modo consapevole ed efficace, migliorando il proprio “benessere”? Benvenuti nella giungla di consiglieri: personal trainer, esperti in nutrizione, naturopati, food blogger, operatori del benessere non meglio identificati, il farmacista, i terapisti olistici, i distributori di prodotti dietetici, il tecnologo alimentare, …sono davvero in tanti ad abusare del titolo di “nutrizionista”.

Biologo nutrizionista: chi può elaborare una dieta?

Le uniche figure professionali che possono elaborare delle diete sono: il Dietologo, il Dietista e il Biologo Nutrizionista.

Il dietologo ha una laurea in medicina e chirurgia e una specializzazione pertinente, quindi è un medico in grado di fare diagnosi di patologie, prescrivere farmaci e formulare piani alimentari.

Il dietista ha una laurea triennale in dietistica; non può fare diagnosi o prescrivere farmaci, ma può fare piani alimentari sotto prescrizione del medico.

Biologo Nutrizionista

Il Biologo Nutrizionista è un professionista laureato (5 anni) che possiede lʼabilitazione alla professione di biologo ed è iscritto allʼOrdine Nazionale dei Biologi. La sua professione è regolamentata dalle seguenti norme: Legge 396/1967 DM n.362/1993 Pareri del Consiglio Superiore di Sanità del 2009 e del 2011.

Spettano al Biologo la valutazione dei bisogni nutritivi ed energetici dellʼuomo. Egli può determinare ed elaborare una dieta ottimale individuale in relazione ad accertate condizioni fisiopatologiche.

Inoltre, può elaborare diete ottimali per mense aziendali, collettività, gruppi sportivi, diete speciali per particolari accertate condizioni patologiche in ospedali, nosocomi eccetera.

 Il Biologo può autonomamente elaborare profili nutrizionali al fine di proporre alla persona che ne fa richiesta un miglioramento del proprio “benessere”. Si tratta, cioè, di impostare un orientamento nutrizionale finalizzato al miglioramento dello stato di salute.

Il nutrizionista: professione per un futuro ecosostenibile

Il Ministero della Salute ha provveduto ad aggiornare l’elenco delle professioni sanitarie, includendovi anche i Biologi. Tutte le prestazioni erogate saranno detraibili dal paziente e verranno inviate direttamente nel fascicolo sanitario del cittadino.

Il mensile TERRANUOVA definisce la figura del nutrizionista come “un mestiere legato alla salute che assumerà un ruolo sempre più centrale nella società, perché la nostra dieta andrà incontro a grossi cambiamenti”.

Nutri-empatia: la chiave di ogni percorso nutrizionale

Chi è e cosa fa il biologo nutrizionista
Dott.ssa Sabrina L. Di Ceglie

La Dott.ssa Di Ceglie è una Biologa Nutrizionista che pratica la professione con passione e determinazione. E’ assolutamente consapevole di poter essere uno strumento efficace per coloro i quali vogliano raggiungere un equilibrio fisico. Tale equilibrio porterà ad un benessere a 360°del corpo e della mente ad una condizione: l’alleanza terapeutica.

Solo attraverso la condivisione di un percorso comune (relazione medico-paziente), infatti, saremo in grado di raggiungere e mantenere uno stato di salute. E’ un presupposto fondamentale.

Il punto di forza del suo lavoro è l’empatia con cui mette al centro i bisogni di chi si rivolge a lei. La capacità di percepire lo stato d’animo ed i sentimenti che hanno portato la persona a rivolgersi a un biologo nutrizionista è una prerogativa essenziale.

Biologo nutrizionista: un equilibrio da conquistare

Nelle relazioni di aiuto è particolarmente importante trovare il giusto equilibrio fra le cose che sono raccontate. Il cibo ha diverse funzioni:

  • Biologica,
  • Relazionale,
  • Autoregolazione emotiva,
  • Espressione della propria identità,
  • Espressione del senso di appartenenza.

Perchè si mangia?

Ciò che scegliamo di mangiare è frutto delle nostre rappresentazioni mentali. Mangiare è indispensabile per il mantenimento delle proprie funzioni vitali.

E’ necessario fornire all’organismo energia sotto forma di alimenti. Il cibo che scegliamo influenza però anche il nostro stato emotivo e le funzioni cognitive. Si può mangiare per:

  • Noia,
  • Ansia-tensione-stress (cibo come sollievo dai pensieri),
  • Solitudine-tristezza (cibo per colmare un vuoto interiore),
  • Rabbia (verso se stessi o il contesto discriminante),
  • Vergogna (Disturbi del comportamento alimentare).

Conclusioni

Il biologo nutrizionista, in collaborazione con il proprio paziente, sarà in grado di definire il giusto piano nutrizionale per raggiungere il benessere psico-fisico. Decidere di alimentarsi correttamente è il primo passo verso il traguardo di un equilibrio psico-fisico stabile e salutare.

Sabrina Di Ceglie Biologa Nutrizionista Bologna
dott.ssa Sabrina Di Ceglie Biologa Nutrizionista a Bologna

Le richieste saranno inoltrate al medico o professionista sanitario il quale risponderà direttamente. DossierSalute.com non è responsabile di tardive o mancate risposte.

Condividi su