Medicina rigenerativa con cellule staminali

La medicina rigenerativa ha come obiettivo la ricostruzione dei tessuti danneggiati. Essa si prefigge di stimolare la rigenerazione delle cellule del tessuto danneggiato, privo di capacità rigenerative spontanee, mediante le cellule staminali.

Con questa tecnica, possono essere riparati tessuti danneggiati a seguito di qualunque tipo di danno.

 L’obiettivo della medicina rigenerativa è ripetere il processo fisiologico della riparazione dei tessuti.

Ciò avviene introducendo dall’esterno, nella parte lesionata, gli elementi fondamentali che concorrono alla riparazione dei tessuti.

Medicina rigenerativa: funzione delle cellule staminali

Le cellule staminali sono cellule indifferenziate, quindi non ancora specializzate.

Sono dotate della capacità di trasformarsi nelle diverse tipologie di cellule di cui è formato l’organismo (dalla pelle, al sangue, al cervello, eccetera) e autorigenerarsi.

Potenza

Esistono vari tipi di potenza che caratterizzano le cellule staminali:

  • totipotenti, cioè capaci di produrre tutti i tipi di cellule e dare vita ad un intero organismo;
  • pluripotenti, cioè in grado di originare tutte le cellule dell’organismo ma non l’organismo completo
  • multipotenti, cioè che possono dare origine a diverse linee cellulari, ma con precursori comuni;
  • unipotenti, cioè chesi possono differenziare in un unico tipo di cellula.  

Le cellule staminali adulte (cellule multipotenti) sono quelle maggiormente utilizzate nella pratica clinica della medicina rigenerativa.

Medicina rigenerativa per ulcere cutanee

Nel campo delle patologie vascolari, numerosi studi hanno portato all’impiego della medicina rigenerativa per la cura delle ulcere cutanee.

Le ulcere cutanee sono una lesione cronica caratterizzata da perdita di tessuto che non tende alla guarigione spontanea. È una condizione molto frequente soprattutto negli anziani e nei pazienti affetti da malattie vascolari e cute fragile.

Insufficienza venosa cronica, disturbi arteriosi, immobilità a letto (decubiti) e diabete, sono le cause più frequenti.

Le più moderne terapie di riparazione tessutale si basano sulla pratica di innesti di cute autologa (cioè la cute del paziente stesso), omologa (cute fornita da un donatore) o di tessuti ingegnerizzati.

L’attecchimento di questi innesti e la capacità di guarigione possono essere potenziate dall’utilizzo contemporaneo della medicina rigenerativa.

Dove si trovano le cellule staminali

Le cellule staminali si possono ottenere dal sangue, per isolare i monociti che sono in grado di rigenerare piccoli vasi e migliorare la circolazione. Altre cellule si possono ottenere dal grasso addominale e queste sono in grado di trasformarsi nelle cellule necessarie a ricostruire la pelle.

Alberto Bozzolan

Giovanni Mosti angiologo Lucca
Dott. Giovanni Mosti Angiologo a Lucca

Le richieste saranno inoltrate al medico o professionista sanitario il quale risponderà direttamente. DossierSalute.com non è responsabile di tardive o mancate risposte.

Condividi su