Prolasso uterino: un nemico dietro l’angolo

Il prolasso uterino si verifica quando i muscoli e i legamenti del pavimento pelvico si allungano e si indeboliscono fino a non fornire più un sostegno sufficiente all’utero. Di conseguenza, l’utero scivola verso il basso o sporge dalla vagina. Il prolasso uterino colpisce più spesso le persone dopo la menopausa che hanno avuto uno o più parti vaginali. Un prolasso uterino lieve di solito non richiede un trattamento. Tuttavia, il prolasso uterino che causa disagio o disturba la vita quotidiana può beneficiare di un trattamento.

In questo articolo parleremo di:

  • I sintomi
  • Cause
  • Complicazioni
  • Fattori di rischio di prolasso uterino vi sono
  • Prevenzione
  • Diagnosi
  • l’intervento può comportare

I sintomi

Il prolasso uterino lieve è comune dopo il parto. In genere non provoca sintomi. I sintomi di un prolasso uterino da moderato a grave includono:

  • Vedere o sentire un rigonfiamento del tessuto fuori dalla vagina.
  • Sensazione di pesantezza o trazione nel bacino
  • Sensazione che la vescica non si svuoti completamente quando si va in bagno
  • Problemi di perdita di urina, chiamati anche incontinenza
  • Difficoltà nell’andare di corpo e necessità di premere la vagina con le dita per aiutarsi nella defecazione
  • Sensazione di essere sedute su una pallina
  • Sensazione di sfregamento del tessuto vaginale sugli indumenti
  • Pressione o disagio nella zona pelvica o nella parte bassa della schiena
  • Problemi sessuali, come la sensazione che il tessuto vaginale sia allentato.

Cause

Il prolasso uterino deriva dall’indebolimento dei muscoli pelvici e dei tessuti di sostegno. Le cause dell’indebolimento dei muscoli e dei tessuti pelvici comprendono:

  • Parto vaginale
  • Età al momento del primo parto (le donne più anziane sono più a rischio di lesioni del pavimento pelvico rispetto alle donne più giovani)
  • Travaglio e parto difficili o traumi durante il parto
  • arto di un bambino di grandi dimensioni
  • Sovrappeso
  • Riduzione del livello di estrogeni dopo la menopausa
  • Costipazione cronica o sforzi intestinali
  • Tosse cronica o bronchite
  • Ripetuti sollevamenti pesanti
  • Lavoro molto faticoso e/o sempre in piedi

 Fattori di rischio del prolasso uterino

  • Avere uno o più parti vaginali
  • Essere più anziane quando si ha il primo figlio
  • Partorire un bambino di grandi dimensioni
  • Invecchiamento
  • Obesità
  • Precedenti interventi chirurgici pelvici
  • Stitichezza cronica o sforzi frequenti durante i movimenti intestinali
  • Storia familiare di tessuto connettivo debole
  • Tosse cronica, ad esempio dovuta al fumo

Le complicazioni

Il prolasso uterino spesso si accompagna al prolasso di altri organi pelvici.

Possono verificarsi anche questi tipi di prolasso:

  • Prolasso anteriore. Il prolasso anteriore è dovuto alla debolezza del tessuto connettivo tra la vescica e il tetto della vagina. Può causare il rigonfiamento della vescica nella vagina. Questo fenomeno è chiamato cistocele o vescica prolassata.
  • Prolasso vaginale posteriore. La debolezza del tessuto connettivo tra il retto e il pavimento della vagina può causare il rigonfiamento del retto nella vagina. Questo può causare difficoltà nei movimenti intestinali. Il prolasso vaginale posteriore è chiamato anche rettocele.

Come prevenire il prolasso uterino?

Prevenire la stitichezza. Bere molti liquidi e mangiare cibi ricchi di fibre, come frutta, verdura, fagioli e cereali integrali.

Evitare il sollevamento di oggetti pesanti. Se dovete sollevare qualcosa di pesante, fatelo in modo corretto. Il sollevamento corretto prevede l’uso delle gambe anziché della vita o della schiena.

Controllare la tosse. Curate la tosse cronica o la bronchite. Non fumare.

Evitare l’aumento di peso.

Diagnosi

La diagnosi di prolasso uterino viene spesso effettuata durante un esame pelvico. Durante l’esame pelvico l’operatore sanitario potrebbe chiedervi di:

abbassarsi come se si stesse facendo un movimento intestinale. Questo può aiutare il medico a valutare quanto l’utero sia scivolato nella vagina.

Stringere i muscoli pelvici come se si stesse fermando un flusso di urina. Questo test verifica la forza dei muscoli pelvici.

Se soffrite di incontinenza urinaria grave, potreste sottoporvi a esami per misurare il funzionamento della vescica. Si tratta del cosiddetto test urodinamico.

E ancora:

  • Risonanza magnetica
  • Esame pelvico

I Trattamenti possibili del prolasso uterino

Di seguito forniamo informazioni generali su come il prolasso uterino può essere trattato:

  • Fisioterapia del pavimento pelvico: Una ostetrica specializzata in terapia del pavimento pelvico può aiutare a rafforzare i muscoli che sostengono l’utero.
  • Esercizi di Kegel e Biofeedback: si tratta di esercizi spontanei attivi che possono aiutare a rafforzare i muscoli del pavimento pelvico, contribuendo a sostenere l’utero.
  • Elettrostimolazione e/o Radiofrequenza: applicazioni settimanali di correnti endovaginali mirate a stimolare la componente muscolare e connettivale del pavimento pelvico.
  • Caressflow: ossigeno e acido ialuronico rinvigoriscono la parte epiteliale e connettivale della vagina.
  • Pessari: Si tratta di dispositivi che possono essere inseriti nella vagina per sostenere l’utero e alleviare i sintomi del prolasso.
  • Chirurgia: In casi più gravi o se gli altri trattamenti non hanno avuto successo, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per correggere il prolasso uterino.
  • Cambiamenti dello stile di vita: Mantenere un peso sano, evitare sforzi eccessivi e seguire una dieta equilibrata possono contribuire a ridurre i sintomi del prolasso uterino.

Ricorda, queste sono solo opzioni generali è fondamentale consultare un medico per ricevere una valutazione ed una consulenza personalizzata in base alla tua situazione specifica.

Chirurgia: cosa comporta l’intervento?

Ci sono diversi tipi di interventi chirurgici che possono essere utilizzati per trattare il prolasso uterino, a seconda della gravità del problema e delle preferenze del paziente. Ecco alcuni dei tipi più comuni di interventi chirurgici per il prolasso uterino:

Colpopessi: Questa è una procedura chirurgica in cui i tessuti vaginali vengono riposizionati e fissati per sostenere l’utero e gli organi pelvici. Può essere eseguita tramite l’approccio vaginale o addominale.

Isterectomia: In questa procedura, l’utero viene rimosso chirurgicamente. Può essere eseguita attraverso l’addome o tramite un approccio vaginale, a seconda delle circostanze individuali.

Sospensione dell’utero: Questa procedura coinvolge il sollevamento e la fissazione dell’utero ai legamenti o ai tessuti circostanti per ripristinarne la posizione corretta.

Procedura di Sacrocolpopessi: Questo è un intervento chirurgico in cui un materiale sintetico o un tessuto proprio del paziente viene utilizzato per sostenere l’utero e gli organi pelvici.

Colpocleisi: Questa è un’opzione per le donne più anziane o che non desiderano avere figli in futuro. Consiste nella chiusura della vagina per alleviare i sintomi del prolasso.

Conclusioni

Ricorda che la scelta del tipo di intervento chirurgico dipende dalla gravità del prolasso, dalla salute generale della paziente e dalle preferenze del chirurgo. Prima di prendere una decisione, è fondamentale discutere con il tuo medico i dettagli specifici della tua situazione e i potenziali rischi e benefici di ciascuna opzione.

Tutti gli interventi chirurgici presentano dei rischi, ed i rischi dell’intervento chirurgico per trattare il prolasso uterino comprendono:

  • Sanguinamento abbondante
  • coaguli di sangue nelle gambe o nei polmoni
  • Infezione
  • Reazione negativa all’anestesia
  • Lesioni ad altri organi come la vescica, gli ureteri o l’intestino.
  • Il prolasso si ripete.

La Redazione – Lavinia Giganti

La redazione in collaborazione con la Dott.ssa Anna Bernabei – Ginecologo a Siena


© Il contenuto di questo articolo, eventuale logo, il lavoro artistico e la grafica sono di proprietà di dossiersalute.com. Sono protetti dal diritto d’autore e dal diritto di proprietà intellettuale.

È vietata la copia, l’appropriazione, la riproduzione anche parziale dei contenuti e di immagini in qualsiasi forma. Per le immagini libere da copy o soggette ad attribuzione è riportata la fonte. È vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti non autorizzata espressamente da dossiersalute.com. Copyright © Dossiersalute.com · all rights reserved.


SI PREGA DI INDICARE IL PROPRIO NOME E QUELLO DEL DESTINATARIO DELLA RICHIESTA.

Le richieste saranno inoltrate al medico o professionista sanitario il quale risponderà direttamente. DossierSalute.com non è responsabile di tardive o mancate risposte.

Immagine di Freepik

Condividi su