Massa grassa addominale: come misurarla

Massa grassa addominale come misurarla
Massa grassa addominale: come misurarla

Misure accurate del grasso addominale viscerale e sottocutaneo sono essenziali per lo studio della fisiopatologia dell’obesità. Esistono diverse metodologie per la misurazione della massa gassa addominale.

Massa grassa addominale: metodologie

Le misure antropometriche classiche, come la circonferenza della vita e dell’anca, non possono distinguere tra questi due depositi di grasso.

Le due metodologie di indagine capaci di quantificare in maniera precisa la quantità e qualità della massa grassa addominale sono l’ecografia e la risonanza magnetica.

Ecografia addominale e Risonanza Magnetica

Entrambe le due metodologie sono in grado di dare una precisa valutazione quantitativa dei depositi di grasso addominale nei soggetti esaminati.

Il limite della risonanza magnetica è però legato alla scarsa praticità ed al costo molto elevato dell’esame. Al contrario, l’esame ecografico risulta meno costoso e più pratico nella sua esecuzione.

 Il grasso addominale può essere misurato mediante Ecografia in due comparti:

  • grasso viscerale, definito come la profondità dal peritoneo alla colonna lombare (è il più dannoso e difficile da eliminare);
  •  grasso sottocutaneo, definito come la profondità dalla pelle ai muscoli addominali.

Massa grassa addominale: confronto tra Ecografia e Risonanza

Recenti studi hanno messo a confronto le diverse tecniche di rilevazione della massa grassa addominale tramite imaging (ecografia addominale e risonanza magnetica).

Ne è derivato che i risultati siano quasi sovrapponibili.

L’Ecografia addominale ha dunque migliorato significativamente la previsione del grasso viscerale e del grasso sottocutaneo sia negli uomini che nelle donne. Ciò si è aggiunto al contributo delle variabili antropometriche standard.

Ecografia addominale: metodo valido alternativo alla Risonanza

In conclusione, l’ecografia è un metodo valido per stimare il grasso viscerale e sottocutaneo, la loro consistenza e profondità. In questo modo, è possibile intraprendere un percorso nutrizionale finalizzato alla diminuzione della massa grassa addominale.

Avvertenze

Importate è la correlazione tra aumento di massa grassa viscerale e massa grassa cardiaca.

Un eccessivo aumento della massa grassa viscerale può portare alla sindrome metabolica, con conseguente ricadute per la salute del paziente.

E’ quindi fondamentale valutare sia quantitativamente che qualitativamente lo stato del grasso viscerale. Sarà così possibile indirizzare la dieta ad una sua constante e graduale diminuzione.  

Dott. Lorenzo Grandini Biologo Nutrizionista a Parabiago
Dott. Lorenzo Grandini Biologo Nutrizionista a Parabiago

Dott. Lorenzo Grandini