Attività fisica in gravidanza: costante e graduale

Attività fisica in gravidanza: costante e graduale

La gravidanza è un periodo che comporta un grande cambiamento psicofisico nella donna, la quale deve trovare un nuovo equilibrio durante tutti i nove mesi. Fondamentale è svolgere attività fisica in gravidanza.

Una gravidanza fisiologica e in salute si costruisce già con un corretto stile di vita preconcezionale e si consolida con una corretta alimentazione e attività fisica.

Attività fisica sempre tranne casi specifici

Le evidenze scientifiche promuovono una sana attività fisica da iniziare o continuare in gravidanza, salvo casi specifici in cui sia meglio evitarla. Inoltre, sottolineano che essa non è associata ad eventi avversi.

Vengono esclusi sport ad alto impatto e cadute (ad esempio snowboard, box, pugilato, pesistica), oltre che le immersioni subacquee (associate a malattia fetale da decompressione).

Benefici dell’attività fisica in gravidanza

Svolgere regolare attività fisica in gravidanza regala diversi benefici:

  • aumenta il senso di benessere,
  • favorisce una corretta postura e riduce i dolori alla schiena,
  • potenzia capacità respiratoria e cardiocircolatoria,
  • migliora l’ossigenazione e flusso sanguigno,
  • contiene l’aumento di peso,
  • diminuisce il rischio di incorrere nel diabete gestazionale,
  • favorisce un buon travaglio e parto e ripresa postparto,
  • migliora transito intestinale riducendo il rischio di stipsi,
  • riduce rischio trombotico e preeclamptico,
  • riduce edemi, gonfiori, crampi muscolari,
  • aiuta a scaricare tensione nervosa e stress.

Intensità dell’attività fisica

L’intensità dell’attività fisica dipende molto da se e quanto la donna prima della gravidanza praticasse sport. Se era solita condurre una vita sedentaria, è bene iniziare gradualmente e continuare anche dopo il parto.

Attività fisica consigliata in gravidanza

Le principali attività fisiche consigliate in gravidanza sono:

  • il nuoto,
  • le camminate,
  • la danza a corpo libero,
  • lo yoga. Quest’ultimo favorisce l’elasticità delle articolazioni e l’allungamento muscoli. In particolare, gli esercizi di respirazione aiuteranno durante travaglio e parto. Le visualizzazioni con rilassamento, al termine della lezione, aiutano la donna a restare nel sistema parasimpatico (= abbassa i livelli di stress).

Raccomandazioni

La donna che svolge attività fisica in gravidanza deve seguire alcune importanti raccomandazioni:

  • Cominciare gradualmente l’attività sportiva;
  • Incrementare il lavoro fino a 3-5 volte a settimana in maniera regolare e non ad intermittenza;  
  • Prevedere sempre un iniziale riscaldamento, seguito da attività aerobica di 30 minuti, infine rilassamento/stretching finale;
  • Non superare la frequenza cardiaca di 140 bmp;  
  • Idratarsi prima, durante e dopo l’attività.
ostetrica nadin
Dott.ssa Giorgia Nadin ostetrica a Pordenone
Condividi su