Acufene, un fastidioso disturbo uditivo

 

articolo

L’acufene è più diffuso di quanto si pensi ed è un disturbo che si manifesta con la percezione uditiva di fischi, ronzii, sibili, senza che questi siano provocati da fonti esterne.

Le tipologie di acufene

L’acufene non è una malattia, ma un sintomo di molteplici disturbi; per questo motivo l’origine è di difficile individuazione.

In molti casi, quindi, ci si trova in presenza di acufene soggettivo idiopatico.

Le tipologie di acufene sono comunque due: acufene soggettivo e acufene oggettivo.

L’acufene di tipo soggettivo si manifesta con rumori che variano di intensità e frequenza, spesso coperti da rumori reali e per questo avvertibili prevalentemente durante il silenzio notturno.

L’acufene di tipo oggettivo, molto raro, consiste in rumori reali provenienti dall’interno del corpo, che si manifestano sotto forma di pulsazioni.

Le possibili cause di acufene soggettivo

Le cause di acufene soggettivo possono essere:

traumi uditivi, dovuti all’esposizione a rumore di normale/media intensità per un periodo di tempo prolungato, oppure l’esposizione a rumore forte per breve tempo,

– la variazione di pressione atmosferica,

– l’uso di farmaci ototossici, infezioni, tumori, ictus, otiti,

patologie legate all’apparato uditivo, come la disfunzione del labirinto in caso di Malattia di Ménière.

Quando l’acufene si manifesta in un solo orecchio la causa può essere la temporanea occlusione del canale uditivo.

Le possibili cause di acufene oggettivo

Molto rari, gli acufeni oggettivi si manifestano con la percezione di rumori pulsanti generalmente sincroni al battito cardiaco.

Sono rumori generati dalle strutture ossee dell’orecchio medio ma anche delle zone ad esso limitrofe.

Le possibili cause sono problemi articolari, temporo-mandibolari, trauma cranico o malattie infettive, contrazione dei muscoli che circondano le orecchie.

Altra causa possono essere i tumori glomici timpanici e giugulari, cioè tumori che interessano il sistema paragangliare, che attraversa la cassa del timpano, o il tumore della vena giugulare.

Sono causa comune acufene oggettivo l’ipertensione o anomalie vascolari in prossimità dell’orecchio.

L’incidenza del sintomo acufene

Le persone che soffrono di acufene sono tra il 10 e il 17% della popolazione mondiale. La variabilità del dato è legata alla prevalenza degli acufeni soggettivi.

Si manifesta a partire dai 45 anni in poi, prevalentemente nella popolazione maschile.

Conclusioni

L’acufene non si cura, o meglio, può scomparire nel momento in cui si elimina la causa sottostante, sempre che si sia riusciti ad individuarla correttamente (a volte vi è la compresenza di più cause). E’ necessario, dunque, rivolgersi in prima battuta a un otorino esperto che sappia, se necessario, indirizzare verso il collega in grado di intervenire sulla causa dell’acufene.

Lavinia Giganti

Dott.ssa Sabrina Corno

 

Condividi su