Edema maculare: la sindrome di Irvine Gass

Per Sindrome di Irvine Gass, più comunemente nota come edema maculare cistoide, si intende una rottura della barriera emato-retinica, solitamente associata ad interventi di chirurgia oculare.

La sindrome si manifesta solitamente da 1 a 6 mesi dopo l’intervento di chirurgia oculare.

Edema maculare: prevalenza

La prevalenza di questa complicanza varia a seconda degli interventi chirurgici. Nella moderna chirurgia della cataratta, ad esempio, si ha una percentuale dall’1 al 2%.

Nella chirurgia vitreo-retinica, invece, la percentuale sfiora il 50% all’esame OCT.

Inoltre, col solo uso di olio di silicone, normalmente utilizzato nelle vitrectomie come tamponante, esiste un rischio del 20% che aumenta in relazione al tempo di utilizzo dell’olio stesso (l’olio viene solitamente rimosso dopo 3 o 6 mesi).

Edema maculare: fattori di rischio

Altre cause che aumentano il fattore di rischio sono il diabete, l’uveite posteriore, l’impianto di cristallini artificiali a fissazione iridea o nel solco, l’uso di colliri a base di prostaglandine utilizzati come farmaci anti-glaucoma.

Per questo, in un soggetto con glaucoma, sarebbe conveniente, in previsione di un intervento, abolire almeno temporaneamente questi tipi di collirio.

Nell’ edema maculare cistoide post chirurgico si evidenzia all’osservazione strumentale la presenza di loggette che circondano la zona foveale
L’OCT (Tomografia Ottica Computerizzata) documenta la presenza di cisti multiple che modificano il profilo retinico abolendo la fisiologica deflessione foveale

Sintomatologia

Il paziente riferisce riduzione visiva con deformazione delle immagini e delle linee.

Diagnosi

La Tomografia Ottica Computerizzata (OCT) permette di evidenziare chiaramente la presenza di edema maculare intra-retinico con distacco sieroso della retina e presenza di loggette cistiche.

La Florangiografia (FAG) evidenzia la rottura della barriera emato-retinica a livello maculare così come l’angiografia al verde di indocianina.

Tuttavia, oggi, con l’angio-OCT, che non richiede dilatazione pupillare nè uso di coloranti endovenosi, è possibile visualizzare loggette iporiflettenti già nelle fasi iniziali.

L’evoluzione della sindrome, anche nelle forme persistenti, è solitamente positiva nel 90% dei casi.

Terapia

Il trattamento dell’edema maculare post-operatorio viene inizialmente eseguito con colliri antinfiammatori non steroidei, associati ad inibitori dell’anidrasi carbonica e colliri cortisonici.

Se dopo alcune settimane di trattamento non si hanno miglioramenti significativi, si possono utilizzare iniezioni intra-vitreali con farmaci anti VEGF o cortisonici. Attualmente, i cortisonici per via intravitreale sembrano essere i più efficaci.

Nelle fasi iniziali, talvolta, sono utili iniezioni sottocongiuntivali o sottotenoniane con triamcinolone.

Il trattamento chirurgico è raro e solitamente lo si effettua nelle sindromi da trazione vitreomaculare o dopo rottura della capsula del cristallino con frammenti della lente in camera vitrea.

Prevenzione

La terapia più efficace consiste comunque nell’evitare che la complicanza insorga. Come? Una settimana prima dell’intervento di chirurgia oculare occorre trattare il paziente con indometacina collirio 6 volte al giorno.

Dott. Carmine Ciccarini Oculista a Perugia
Dott. Carmine Ciccarini Oculista a Perugia

Le richieste saranno inoltrate al medico o professionista sanitario il quale risponderà direttamente. DossierSalute.com non è responsabile di tardive o mancate risposte.

Condividi su