Pavimento pelvico e riabilitazione perineale

Focus

Il pavimento pelvico è un insieme di muscoli che ha la funzione di mantenere nella posizione corretta gli organi pelvici, cioè utero, retto, vescica e uretra.

I muscoli del pavimento pelvico garantiscono sostegno agli organi pelvici che possono cedere se i muscoli si indeboliscono.

Una scarsa dimestichezza con il proprio pavimento pelvico significa progressiva e inevitabile perdita di tonicità, sensibilità e controllo dello stesso.

Il deficit della funzionalità del pavimento pelvico può determinare:

  • incontinenza urinaria e/o anale;
  • difficoltà alla minzione e/o alla defecazione;
  • prolasso genitale;
  • dolore pelvico e disfunzioni sessuali;
  • dolore durante il rapporto sessuale.

La riabilitazione perineale

La riabilitazione del pavimento pelvico, o rieducazione perineale, rappresenta un riconosciuto approccio a molteplici disfunzioni uro-ginecologiche, le più comuni delle quali sono l’incontinenza urinaria e il prolasso genitale.

La riabilitazione interviene su quel gruppo di muscoli che chiude inferiormente il bacino, permettendo così al perineo di svolgere adeguatamente le funzioni di sostegno dei visceri pelvici e di mantenimento della continenza urinaria e fecale.

La riabilitazione del pavimento pelvico, o perineo, può essere definita come un insieme di tecniche di tipo conservativo, con nulla o minima invasività, aventi lo scopo di attenuare o risolvere i segni e sintomi derivanti dalle disfunzioni della muscolatura che costituisce il pavimento pelvico stesso.

È rivolta prevalentemente, alle donne, in quanto i casi di disfunzione perineale sono spesso legati alla menopausa o al post-parto.

Tecniche di riabilitazione

Sono diverse le tecniche adottabili:

  • La chinesiterapia consiste nell’esecuzione di alcuni semplici esercizi di contrazione e rilassamento dei muscoli del pavimento pelvico, in grado favorire la presa di coscienza e il rafforzamento di tutto il sistema di sostegno degli organi pelvici.
  • Il Biofeedback consiste nell’impiego di strumenti capaci di registrare una contrazione o un rilassamento muscolare che potrebbero non essere percepiti dalla donna. Il segnale viene quindi trasformato in segnale visivo, permettendo alla paziente di verificare le contrazioni o il rilassamento e di imparare a compierli in modo corretto.
  • L’elettrostimolazione è invece indicata nei casi in cui i muscoli perineali non riescano ad essere contratti volontariamente ed in modo adeguato. Una tecnica passiva, quindi, fondata sull’utilizzo di appositi elettrodi e relativi impulsi elettrici, assolutamente indolori, che a loro volta vanno a stimolare i muscoli del pavimento pelvico.

Abbinate a queste tecniche, rivestono una funzione riabilitativa importante anche la fisioterapia specializzata e l’osteopatia.

Alberto Bozzolan

FisioMed