Botox (botulino): trattamento medico ed estetico

Il botox è un farmaco che indebolisce o paralizza i muscoli, è utilizzato per trattare alcune condizioni mediche e ridurre condizioni estetiche come le rughe della pelle.

Poiché la tossina botulinica è prodotta dal batterio Clostridium botulinum, è nota anche come tossina botulinica. Se usata correttamente e in piccole dosi, presenta benefici medici e cosmetici. Viene infatti utilizzata per trattare una serie di condizioni, tra cui gli spasmi delle palpebre, la sudorazione eccessiva, alcuni problemi della vescica e l’emicrania, oltre che per scopi estetici. In questo articolo discutiamo come funziona il Botox, quanto costa il Botulino e quali vantaggi e rischi presenta, ad esempio per le donne in gravidanza. Iniziamo!

Che cos’è il botox?

Oltre che nel tratto intestinale di mammiferi e pesci, il batterio C. botulinum è presente nel suolo, nei laghi, nelle foreste e in altri ambienti naturali. Solo quando le spore si trasformano e la popolazione cellulare aumenta, si verificano dei problemi. I batteri iniziano a produrre la tossina botulinica, una neurotossina mortale che causa il botulismo. Sebbene i batteri C. botulinum siano generalmente innocui, a un certo punto possono produrre la tossina botulinica, una neurotossina che causa il botulismo. Gli scienziati hanno stimato che un grammo di tossina botulinica cristallina potrebbe uccidere più di un milione di persone e diversi chilogrammi potrebbero spazzare via tutta la vita umana sul pianeta. Tuttavia, se somministrata correttamente in ambito terapeutico, è sicura e ha pochi effetti collaterali, come afferma l’American Osteopathic College of Dermatology.

Per effettuare le iniezioni di botox si utilizzano piccole quantità di tossina botulinica. Le iniezioni di botox sono utilizzate per paralizzare temporaneamente i muscoli e per aiutare le persone con problemi muscolari o nervosi. Sono disponibili:

  • l’abobotulinumtoxin A (Botox);
  • l’incobotulinumtoxin A (Dysport);
  • l’incobotulinumtoxin A (Xeomin); 
  • la rimabotulinumtoxin B (Myobloc);
  • la prabotulinumtoxin A (Jeuveau) e altre forme commerciali di tossina botulinica.

Sebbene “Botox” sia un marchio registrato appartenente a un’unica azienda, viene utilizzato per indicare tutti questi prodotti.

Come funziona il Botox?

Il botox è una neurotossina che interferisce con gli impulsi nervosi che causano la contrazione muscolare. Il farmaco provoca dunque una paralisi muscolare temporanea interferendo con i segnali nervosi che stimolano la contrazione muscolare. L’acetilcolina, un neurotrasmettitore rilasciato dalle terminazioni nervose alle cellule muscolari, provoca la contrazione delle cellule muscolari attaccandosi ai recettori e producendo acetilcolina.

Le iniezioni di Botox inibiscono il rilascio di acetilcolina, impedendo alle cellule muscolari di contrarsi e la tossina aiuta quindi i muscoli a diventare meno rigidi.

Uso del Botox o botulino nella cosmesi

Il Botox viene utilizzato principalmente per ridurre le rughe del viso. Difatti le iniezioni di Botox sono la procedura cosmetica più popolare a livello nazionale. Un sondaggio conta più di 7 milioni di persone che si sono sottoposte al botulino. Ma quanto durano i suoi effetti?

Gli effetti sono temporanei e durano dai 3 ai 12 mesi, molto dipende dal trattamento scelto.

Le aree del viso che si possono trattare con il Botox sono le seguenti:

  • Rughe tra le sopracciglia, chiamate rughe di espressione;
  • Rughe intorno agli occhi, note come zampe di gallina;
  • Rughe orizzontali della fronte;
  • Linee agli angoli della bocca;
  • Pelle “a ciottoli” sul mento.

L’FDA comunque ha approvato le iniezioni di Botox solo per l’uso intorno agli occhi e sulla fronte.

Alcune persone provano il Botox anche per migliorare l’aspetto dei capelli. Tuttavia, ci sono poche prove che funzioni.

Uso del Botox o botulino in campo medico

Gli operatori sanitari utilizzano il Botox anche per trattare una serie di condizioni mediche, la maggior parte delle quali riguarda il sistema neuromuscolare.

La FDA ha approvato il Botox per i seguenti usi. Se non diversamente specificato, l’approvazione è per l’uso in persone di età pari o superiore ai 18 anni:

  • Spasticità degli arti superiori, in persone di età superiore ai 2 anni;
  • Occhi sbarrati o strabismo, in persone di età superiore ai 12 anni;
  • Grave sudorazione ascellare, o iperidrosi;
  • Prevenzione dell’emicrania nelle persone la cui emicrania dura almeno 4 ore per 15 o più giorni al mese;
  • Ridurre i sintomi di una vescica iperattiva dovuta a una condizione neurologica, se i farmaci anticolinergici non sono di aiuto;
  • Spasmi palpebrali, o blefarospasmo, dovuti a distonia;
  • Un disturbo neurologico del movimento chiamato distonia cervicale che colpisce la testa e causa dolore al collo.

Alcune persone si sottopongono ad iniezioni di Botox anche per usi off-label, o non approvati, tra cui i trattamenti per:

  • Alopecia;
  • Scialorrea;
  • Psoriasi;
  • Eczema disidrotico, che colpisce i palmi delle mani e le piante dei piedi;
  • Anismo, una disfunzione del muscolo anale
  • nevralgia post-erpetica;
  • Vulvodinia, dolore e fastidio alla vagina senza una causa evidente;
  • Malattia di Raynaud, che influisce sulla circolazione;
  • Acalasia, un problema alla gola che rende difficile la deglutizione;
  • Altre condizioni.

Secondo una revisione del 2017, altri problemi e condizioni mediche che possono trarre beneficio dall’uso di Botox off-label includono:

  • Rossore e arrossamento del viso, anche in menopausa;
  • Cheloidi e cicatrici dovute alla guarigione delle ferite;
  • Hidradenitis suppurativa, una malattia infiammatoria della pelle;
  • Lesioni bollose dovute alla malattia di Hailey-Hailey, una rara malattia genetica.

Tuttavia, la conferma che il Botox è sicuro ed efficace per gli usi off-label richiederà ulteriori ricerche. Gli scienziati devono inoltre stabilire le modalità di somministrazione del trattamento più appropriate per ciascun caso.

La procedura del Botox

I medici utilizzano la tossina botulinica iniettandola direttamente nel tessuto neuromuscolare dopo aver diluito  la polvere in soluzione fisiologica.

Gli effetti della tossina durano tra le 24 e le 72 ore, ma occasionalmente possono passare fino a cinque giorni prima che sia completamente efficace. Gli effetti possono durare da tre a dodici mesi, a seconda della procedura.

Le persone che sono incinte o che allattano, quelle che hanno mai avuto una reazione allergica al Botox o a uno dei suoi ingredienti, o quelle che sono in stato di gravidanza o di allattamento dovrebbero evitare di utilizzarlo.

Costo del botox, tempi ed efficacia

Il costo del Botox è variabile e dipende da alcuni fattori quali:

  • Se è a scopo medico o cosmetico;
  • Chi esegue il trattamento;
  • Dove viene effettuato il trattamento;
  • Il numero di unità di Botox utilizzate.

Circa l’uso cosmetico del Botox, nel 2016 una sondaggio ha rilevato i seguenti dati:

  • Il costo di un trattamento con Botox per le rughe di espressione o le zampe di gallina era di 376 dollari;
  • La procedura dura 30 minuti;
  • I miglioramenti apparivano in 1-5 giorni;
  • Erano necessari trattamenti ripetuti ogni 4-6 mesi;
  • La persona poteva tornare subito al lavoro;

Rischi ed effetti collaterali

Anche se le persone di solito non manifestano effetti collaterali dopo l’utilizzo del Botox, molto dipende dalla risposta della persona.

La tossina botulinica può causare alcuni effetti indesiderati, tra cui:

  • Secchezza oculare, a seguito di usi cosmetici;
  • Mal di stomaco;
  • Intorpidimento;
  • Lieve dolore, gonfiore o ecchimosi intorno al sito di iniezione;
  • Mal di testa;
  • Temporaneo abbassamento delle palpebre;
  • Temporanea debolezza o paralisi indesiderata dei muscoli vicini;
  • Problemi urinari dopo il trattamento dell’incontinenza urinaria;
  • Peggioramento dei disturbi neuromuscolari;
  • Disorientamento spaziale o visione doppia dopo il trattamento dello strabismo;
  • Ulcerazione corneale dopo il trattamento della blefarite;
  • Eventi cardiovascolari, come aritmia e infarto del miocardio.

Inoltre è fondamentale che le persone non si sottopongano al Botox se hanno:

  • Sensibilità o allergia al farmaco;
  • Un’infezione nel sito di iniezione.

Alcuni tipi di trattamento, potrebbero estendere gli effetti collaterali del Botox oltre il sito di iniezione, provocando sintomi come difficoltà respiratorie. In questo caso molto dipende da persona a persona e dalla genetica.

Inoltre, alcune persone che ricevono iniezioni di tossina botulinica di tipo A sviluppano anticorpi verso la tossina che rendono inefficaci i trattamenti successivi.

La redazione in collaborazione con la Dr.ssa Barac Ala – medico estetico

    Contatta il Medico

    Se vuoi richiedere un preventivo, chiedere informazioni, o semplicemente rispondere ad una Tua curiosità, inviaci i tuoi dati, verrai ricontattato nel giro di qualche giorno!

    Il tuo nome *

    La tua email *

    Oggetto

    Nome del dottore/ssa *

    Medico o area di interesse
    (Le richieste inviate tramite questo modulo di contatto NON pervengono direttamente ai medici, ma sono mediate da DossierSalute.com. Si prega di specificare il destinatario della richiesta. Grazie) *

    Il tuo messaggio *

    Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo quanto stabilito dal Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati - Regolamento GDPR 2018

    Condividi su