Picotage: acido ialuronico per la rigenerazione della pelle

Picotage: acido ialuronico per la rigenerazione della pelleUno dei trattamenti più in voga sembra proprio essere il picotage, nuova tecnica alternativa alla più invasiva chirurgia estetica,. Il picotage  garantisce aspetto più giovane e curato alla pelle, soprattutto nelle zone di viso collo. 

L’obiettivo è quello di rivitalizzare il tessuto cutaneo senza alterarlo, ma stimolandolo. Grazie a iniezioni di acido ialuronico, viene infatti stimolata la produzione di collagene, elastina e dell’acido ialuronico presente naturalmente nel derma.

Per il picotage, che in francese significa “pizzicotto”, viene utilizzato un microago che non raggiunge le terminazioni nervose dolorifiche, rendendo il trattamento praticamente indolore.

Acido ialuronico: perchè

La zona di azione del picotage è quella più superficiale della pelle, a pochi millimetri di profondità, la stessa che viene maggiormente colpita dai raggi utravioletti.

L’acido ialuronico ha la capacità di ristrutturare e idratare la matrice cellulare e di contrastare i radicali liberi, senza conferire alla pelle un aspetto gonfio e finto tipico del botulino.

La rigenerazione interna della pelle è possibile anche perché l’acido ialuronico iniettato è totalmente biocompatibile con le cellule epiteliali che lo assorbono senza effetti collaterali.

Picotage vs filler

Picotage: acido ialuronico per la rigenerazione della pelleUn trattamento simile al picotage, ma con sostanziali differenze, è il filler.

La prima differenza è la profondità a cui vengono fatte le iniezioni. Il picotage è un trattamento più superficiale, che interessa i primi 2-3mm dello strato cutaneo, mentre il filler prevede iniezioni sino a circa 5-6mm.

La seconda differenza sta nelle sostanze iniettate. Per quanto riguarda il picotage viene utilizzato esclusivamente acido ialuronico puro per un effetto distensivo, mentre nel filler l’acido è mescolato ad altre sostanze che agiscono in modo più corposo ed invasivo su rughe e microrughe.

Picotage vs biorivitalizzazione

Nel caso della biorivitalizzazione si ottengono i medesimi risultati, ma con sostanze diverse.  La biorivitalizzazione, come il filler, non prevede l’uso di acido ialuronico puro, ma un’aggiunta di aminoacidi. Anche questa tecnica di rigenerazione agisce nella zona sottostante a quella del picotage, ma con iniezioni più fastidiose che potrebbero causare piccole ecchimosi transitorie.

Agnese Pirazzi