Raggi UV e Luce Blu: potenziali killer silenziosi dei nostri occhi

La Luce è di vitale importanza per l’organismo.

È una radiazione elettromagnetica complessa, suddivisa in spettro non visibile e spettro visibile.

Raggi UV e Luce Blu fanno parte rispettivamente del primo e del secondo spettro e sono due potenziali killer silenziosi per la salute, in particolare per la salute degli occhi.

Gli ormai noti raggi UV

Quotidianamente siamo esposti ai raggi UV, radiazioni ultraviolette, emessi dalla luce del Sole e da fonti artificiali, come lampade abbronzanti e strumenti di lavoro in campo industriale, per esempio in saldatura.

Quello che è noto da tempo, per fortuna, è che i raggi UV sono molto dannosi se ci si espone per troppo tempo ed oggi è possibile limitarne la nocività con accorgimenti e apposite protezioni.

I danni oculari dei raggi UV

I danni oculari da sovraesposizione ai raggi UV possono portare a:

  • Opacizzazione del cristallino che può causare cataratta precoce,
  • Opacizzazione della cornea causata dall’inspessimento della congiuntiva,
  • Danneggiamento delle cellule retiniche con progressiva perdita della vista.

Le protezioni oculari essenziali contro i raggi UV

L’estate è il periodo più rischioso per l’eccessiva esposizione ai raggi UV; ma bastano piccole attenzioni per prevenire danni irreparabili da sovraesposizione come:

  • ripararsi dal Sole nelle ore più calde,
  • evitare sedute abbronzanti artificiali,
  • usare occhiali da sole ad alta protezione, di altissima qualità certificata, possibilmente con lenti polarizzate.

Queste, infatti, grazie alla capacità di assorbimento della luce anche riflessa, come i bagliori di acqua e neve, migliorano la visione riducendo l’affaticamento e proteggendo al 100% gli occhi dalle radiazioni UV.

La poco nota nocività della Luce Blu

La Luce Blu, emessa dallo spettro visibile della luce, è oggetto di studi scientifici soprattutto da quando i dispositivi digitali sono entrati a far parte della vita quotidiana.

La Luce Blu è infatti emessa da tutti i dispositivi digitali che utilizzano LED per l’illuminazione, come pc, tablet, smartphone, tv etc.

Per questo motivo vi è una sovraesposizione alla Luce Blu.

I danni oculari della Luce Blu

La sovraesposizione da Luce Blu già nel breve periodo, circa 6/8 ore, porta a riscontrare: secchezza, rossore, irritazione oculare, stanchezza, mal di testa, ma anche insonnia perché inibisce la produzione di melatonina.

La sovraesposizione a lungo termine può portare all’insorgere di cataratta e di maculopatia, cioè riduzione di densità del pigmento oculare.

Proteggersi dalla Luce Blu oggi si può

In ambienti aperti basta utilizzare gli occhiali da sole polarizzati che proteggono dai raggi UV; questi, infatti, proteggono anche dalla Luce Blu.

Ma oggi siamo sottoposti a irradiazione da Luce Blu anche in ambienti chiusi, lavorando davanti ad un pc, tablet, utilizzando smartphone, guardando la tv…

Per questo è stato creato un filtro per Luce Blu da applicare sulle lenti bianche che attenua notevolmente l’intensità della luce blu, emessa dai dispositivi.

Raggi UV e Luce Blu sono solo dannosi? No!

E’ dannosa la sovraesposizione ai suddetti raggi, non l’esposizione.

I benefici, infatti, ci sono e sono molto importanti per l’organismo.

I raggi UV, per esempio, servono a sintetizzare Vitamina D, importante per sviluppo e protezione delle ossa.

La Luce Blu, invece, influisce sull’equilibrio ormonale e ha effetti psicologici positivi perché favorisce la produzione di serotonina, ovvero l’ormone della felicità.

Concludendo, la Luce è fondamentale, ma va recepita con la giusta moderazione.

Un occhio particolare… ai bambini

I più piccoli sono i più indifesi dall’aggressività della Luce:

  • d’estate, quando i raggi del sole sono più forti e loro passano molto tempo all’aperto,
  • ma anche durante il resto dell’anno perché le nuove generazioni, già in tenerissima età, passano molto tempo davanti ai dispositivi elettronici.

I danni sui bambini sovraesposti a raggi UV e Luce Blu possono quindi rivelarsi anche molto gravi.

Per questo dobbiamo prenderci cura di loro con una attenta prevenzione e, quindi, con le giuste protezioni.

Regole ferree come la non esposizione in orari centrali della giornata, protezione con indumenti di colore chiaro e materiali naturali, creme protettive.

Anche gli occhi dei bambini devono essere protetti nel modo giusto; molti genitori sottovalutano la protezione degli occhi dei propri bimbi con occhiali da sole, ritenendola una moda o un semplice accessorio.

È tutt’altro che così.

Gli occhiali da sole, certificati e di alta qualità, andrebbero acquistati per i bimbi già dal primo anno di età, quando gli occhi sono ancora fragilissimi, ed indossati sempre all’aperto, anche in giornate di sole coperto.

Lavinia Giganti

Ti  è piaciuto l’articolo?

Visita la Vetrina


Condividi su