Terme: il benessere che arriva dall’antica Roma

Le prime terme esistenti erano quelle create dai Romani, in luoghi in cui fosse possibile sfruttare le sorgenti naturali di acqua calda caratterizzate da qualità terapeutiche. 

Con l’aumentare delle tecniche sempre più all’avanguardia, le terme furono portate anche nel centro delle città, grazie ai focolari che mantenevano a temperatura l’acqua sotterranea.

Le terme non furono, a partire dal II secolo a.C., solo luogo di rigenerazione e relax, ma anche un vero e proprio centro d’incontro

Infatti, chiunque poteva accedervi, anche grazie ai prezzi bassi o addirittura grazie all’entrata gratuita. 

E oggi, cosa è cambiato?

 

Mali moderni, cure antiche

Nonostante le nuove tecnologie abbiano creato nuove modalità per dare benefici al corpo, le cure dell’acqua che risalgono all’antichità continuano ad essere una soluzione ottimale

Le calde acque naturali, infatti, prevengono a curano svariate patologie cronico-infiammatorie, oltre ad aiutare il corpo a ritrovare la forma giusta.

Secondo i dati raccolti da Federterme, il termalismo terapeutico è in costante crescita dal 2014, arrivando oggi a 15 milioni di prestazioni di riabilitazione e prevenzione. 

Tra le cure più comuni ci sono inalazioni e fanghi, seguiti da sedute per sordità rinogena, flebopatia cronica e per disturbi all’apparato gastroenterico.

 

Accessi…accessibili

Oltre alle oasi di relax deluxe, esistono anche centri termali “liberi”, ovvero con accessi gratuiti oppure a prezzi molti ribassati rispetto agli standard. 

Queste località sono le più affascinanti e selvagge, come laghetti naturali, pozze e cascate in mezzo al verde, sulle colline o all’interno di grotte naturali. 

Una tra le diverse presenti in Italia è la piscina naturale di Bormio, in provincia di Sondrio, che concede a prezzi bassissimi gli stessi servizi dei resort presenti nei dintorni.

Nel noto complesso di Saturnia, invece, vi sono le cascate del Gorello, che soprattutto in inverno regalano una vista mozzafiato, tra le acque calde di un bagno notturno.

Si sa, una delle località termali più ambite è quella di Ischia, centro internazionale con prezzi non propriamente accessibili, ma sull’isola risiedono sorgenti naturali assolutamente libere ed aperte a tutti

Uno di questi luoghi, Sorgeto, si trova tra le rocce a strapiombo sul mare: le acque ipertermali provenienti dal mare raggiungono anche i 90 gradi.

Per chi non si accontenta, oltre alle acque tarmali gratuite e per tutti, si può provare anche una sorta di fango per i trattamenti alla pelle, semplicemente sbriciolando una pietra locale!

Agnese Pirazzi

Condividi su