Istituto San Celso, realtà antica sempre al passo con la modernità

L’Istituto San Celso iniziò l’attività negli anni ‘60 quando le tecniche per i trattamenti estetici del corpo erano veramente poche: tanti massaggi occidentali e fanghi.

L’inizio del potenziamento dei trattamenti

Con l’arrivo del Maestro Menarini, esperto nel massaggio emolinfatico, e di Neto Vodder, specialista in linfodrenaggio tradizionale, ci fu un potenziamento dei trattamenti anti cellulite e di rimodellamento corporeo.

I primi, efficientissimi, strumenti

Esisteva il G5 che era un grosso manipolo in gomma con dei chiodini sempre in gomma che roteava e, frizionando il pannicolo adiposo, riusciva a ridurlo notevolmente. 

Al San Celso è stato utilizzato fino al 2000 e, se non fosse stato per la pesantezza del manipolo e perché appariva un po’ antico, sarebbe ancora in uso.

I trattamenti di ieri e di oggi migliorati: mesoterapia e radiofrequenza

Esisteva all’epoca la mesoterapia, oggi ancora eseguita dai medici essendosi evoluta notevolmente nel tempo, diventando omeopatica e meno traumatica, in quanto prima lasciava ematomi per settimane.

Oggi la tecnologia si è evoluta.

La radiofrequenza, un apparecchio che, attraverso un certo dopo di onda, drena l’acqua nei tessuti, compatta la pelle e migliora la circolazione.

Bastano 20 minuti a zona ed è anche gradevole.

L’elettroporazione

L’elettroporazione fa fare ginnastica passiva; l’operatrice sceglie muscolo per muscolo quale tonificare e in soli 20 minuti a zona fa penetrare il principio attivo più indicato: drenante, tonificante, sciogli adipe o anticellulite.

La pressoterapia

La storica e sempre valida pressoterapia: la seduta di 45 minuti si esegue con l’applicazione di gambali linfodrenanti a cui si associano, a seconda delle esigenze, fanghi o oli essenziali per adipe e/o cellulite.

I trattamenti più recenti: la fosfadidilcolina e l’onda dinamica

Da un paio d’anni esiste un trattamento alla fosfadidilcolina, con principio attivo che scioglie l’adipe; consiste in un impacco che viene occluso con cartene che in una decina di seduta riduce notevolmente i tessuti adiposi.

Di ultima generazione l’onda Dinamica che all’interno di un manipolo contiene 4 tecnologie:

  • Radiofrequenza: drena e tonifica.
  • Cavitazione: sbriciola cellule adipose. 
  • Luce pulsata: migliora la pelle in superficie.
  • Vacuum terapia: migliora tessuto superficiale e circolazione. Molto gradevole e con 20 minuti a zona due volte alla settimana si hanno risultati eccezionali.

Il massaggio drenante per chi non ama le apparecchiature

Ultimo, ma non meno importante e valido, vi è il massaggio drenante e connettivo, con un’ottima efficacia drenante e rimodellante del tessuto.

E’ particolarmente adatto per chi non ama le apparecchiature medicali.

Ti è piaciuto l’articolo?

Visita la Vetrina

Condividi su