Secchezza vaginale

Glossario Medico

La secchezza vaginale è un diffuso disturbo femminile, capace di peggiorare i rapporti sessuali da un lato e di favorire l’aumento delle infezioni dall’altro. Essa colpisce non solo  donne in età non più fertile, ma  anche quelle ancora giovani. E’ dovuta alla scarsa produzione di estrogeni o ad infezioni vaginali ripetute di origine batterica. Le conseguenze negative sono notevoli, sia a livello pratico, nella vita quotidiana, che fisiologico.

L’importanza della lubrificazione

La mancanza di naturale lubrificazione della vagina non consente di avere una soddisfacente vita sessuale, perché il rapporto è fonte di dolore, e al contempo altera il normale sistema vaginale che protegge dagli attacchi del mondo esterno. Durante l’età fertile le pareti della vagina sono rivestite da uno strato mucoso alto e soffice, ben lubrificato, che permette il normale svolgimento del rapporto sessuale. Gli estrogeni influenzano lo spessore delle pareti, stimolano l’attività delle cellule del sistema immunitario con conseguente protezione dalle infezioni.

Perchè si riducono gli estrogeni?

La riduzione degli estrogeni si deve alla cessazione dell’attività ovarica e provoca non solo modificazioni vaginali, ma anche una alterazione a livello dei genitali esterni (labbra), che diventano più sottili e anelastici. Le cause? Sono molteplici. Fattori emotivi come lo stress oppure fisiologici-ormonali come la menopausa.

Anche terapie contraccettive orali, l’uso di detergenti intimi non sufficientemente idratanti/emollienti o di assorbenti interni possono essere determinanti per il manifestarsi della secchezza vaginale. Inoltre, il modo non corretto con cui viene espletata l’igiene vaginale, la possibile contaminazione di microrganismi del distretto intestinale e l’uso frequente di biancheria intima sintetica, collant, pantaloni attillati e salvaslip possono favorire la crescita di patogeni o indurre fenomeni di sensibilizzazione.

Igiene intima sì, ma…

Non bisogna esagerare però con un’igiene intima eccessiva: due volte al giorno con prodotti specifici sono più che sufficienti per salvaguardare la propria igiene intima. Esistono prodotti per tutte le età, dalla preadolescenza alla menopausa inoltrata, per venire incontro alle esigenze di ogni donna.

In alternativa o in aggiunta a farmaci specifici e a terapie locali, l’Ossigeno-Ozono terapia, essendo rivitalizzante, normalizzando la vascolarizzazione locale, agendo sul sistema immunitario, migliorando le condizioni fisiche  e cerebrali della donna, è senz’altro una valida soluzione, tenendo anche presente la crescita dell’aspettativa di vita della donna ed il suo desiderio di mantenersi sessualmente attiva anche dopo la menopausa.

 Dott. Prof. Gianfranco Zandonini

Dott. Prof. Gianfranco Zandonini