Ringiovanire con le cellule mesenchimali

Focus

Una ricerca relativamente recente sulla quale sono in corso studi clinici in tutto il mondo riguarda le cellule mesenchimali adulte (CMA) che sono destinate a costituire una nuova frontiera della medicina. Si distinguono sostanzialmente dalle altre cellule staminali, oggetto di problemi etici, in quanto rigenerano solo tessuti e non organi o apparati.

Tramite apposite procedure oggi è divenuto possibile prelevare tali cellule e reinserirle nel tessuto danneggiato con l’obiettivo di ripristinarne integrità e funzionalità. Nella rigenerazione si utilizzano le potenzialità delle cellule mesenchimali alla duplicazione e successiva differenziazione. Queste cellule hanno dimostrato una grande capacità di rigenerazione dei tessuti e di modulazione del sistema immunitario. Le  ricerche condotte su cellule mesenchimali adulte hanno permesso di definire che possono replicarsi e, se stimolate, differenziarsi in  diverse popolazioni cellulari (ossee, cartilaginee, tendinee, muscolari etc). Da qui la notevole diffusione nell’ortopedia. Per analogia, la metodica viene utilizzata in medicina estetica, dove  vengono utilizzate principalmente per correggere danni cutanei dovuti all’invecchiamento, ad esiti di ustioni e cicatrici; inoltre, per migliorare patologie cutanee, ulcere e piaghe.

Una volta inserite nel tessuto, le cellule mesenchimali danno origine a fibroblasti e ad altre cellule nuove di riempimento, fornendo un aspetto più luminoso ed elastico alla pelle. La metodica ha come vantaggio l’assenza totale di sostanze estranee all’organismo e la durata nel tempo del trattamento. Il limite è dovuto all’assenza di riempimento immediato delle zone. Nel caso sia necessario dare volume alla parte trattata, si possono prelevare in grandi quantità dal tessuto adiposo, per poi essere processate e reiniettate. La metodica è in un unico tempo e viene effettuata in regime di anestesia locale, quindi facilmente accessibile.

Nella prima fase viene anestetizzata la zona da trattare (pancia, glutei o gambe). Si procede con l’aspirazione, durante la quale si effettua il prelievo di tessuto adiposo utilizzando un’apposita cannula monouso. Il materiale lipidico prelevato subisce una minima manipolazione in un sistema chiuso ed asettico che rende fluido il grasso ed elimina i residui oleosi ed ematici del campione. Il fluido ottenuto mantiene intatte le cellule mesenchimali (CMA). Il prodotto Lipogems® così ottenuto è pronto per uso autologo. L’utilizzo del prodotto Lipogems® ha lo scopo di favorire il naturale processo rigenerativo dei tessuti e trova applicazione in molteplici patologie. Viene usato con successo negli sportivi per curare esiti di traumi ai legamenti, alle capsule articolari, oltre a patologie delle articolazioni come artrosi ed artrite.

Studio Polifunzionale Dott. Giuseppe ScottoStudio Polifunzionale Dott. Giuseppe Scotto