Lombalgia

Glossario Medico

Il mal di schiena o lombalgia è caratterizzato da dolore, con presenza o meno di limitazione funzionale, avvertito fra il margine inferiore dell’arcata costale e le pieghe glutee inferiori.
È il disturbo osteoarticolare più frequente: quasi l’80% della popolazione è destinato a un certo punto della vita a presentare una lombalgia.
I dati indicano una prevalenza annuale dei sintomi nel 50% degli adulti in età lavorativa, di cui il 15- 20% ricorre a cure mediche.
Il mal di schiena interessa uomini e donne in ugual misura; insorge più spesso fra i 30 e 50 anni di età; comporta altissimi costi individuali e sociali, in termini di indagini diagnostiche e di trattamenti, di riduzione della produttività e di diminuita capacità a svolgere attività quotidiane.

Cause

Oltre il 95% dei pazienti ha una causa meccanica alla base del dolore lombare.
Da un punto di vista strettamente clinico, tuttavia, il mal di schiena non è altro che un sintomo, che andrebbe inquadrato in una cornice diagnostica più corretta: in realtà nella maggior parte dei casi ha un andamento “benigno”, non è spia di patologie gravi, ma un semplice compagno di vita più o
meno occasionale per molti di noi.

Il mal di schiena deve essere distinto da altri problemi che interessano il rachide lombare come ad esempio:

  • Stenosi del canale vertebrale
  •  Sindrome delle faccette articolari
  • Lombocruralgia
  • Lombosciatelgia
  • Trigger point glutei
  • Meralgia parestesica

Agopuntura

L’agopuntura riesce ad essere efficace in questo tipo di patologie, grazie al suo effetto antinfiammatorio, decontratturante ed antidolorifico, riducendo gli effetti collaterali legati ai farmaci solitamente impiegati (gastriti, nausea etc)

Le sedute hanno una durata di 25-30 minuti con cadenza settimanale.

Utile al fine di migliorare la guarigione è l’applicazione della lampada TDP

 

Dott. Riccardo Rustichelli

Dott. Riccardo Rustichelli