Lipoma: tumore benigno, ma potenzialmente doloroso

Focus

Il lipoma, tumore benigno formato da tessuto adiposo, si presenta circoscritto e limitato da una capsula e solitamente tende a svilupparsi nel tessuto adiposo sottocutaneo, ma può comparire anche in altre sedi quali mammella, rene, apparato digerente, intestino, articolazioni.

Le caratteristiche dei lipomi

I lipomi sono masse pastose al tatto e sono piuttosto facili da identificare perché si muovono facilmente con una leggera pressione delle dita; crescono molto lentamente e di solito non causano altri problemi o complicazioni.

Si sviluppano più frequentemente dopo i 50 anni, ma possono insorgere a qualsiasi età.

Normalmente sono indolori e possono comparire su qualunque parte del corpo, ma occasionalmente i lipomi possono svilupparsi anche più in profondità all’interno del corpo, tanto da non essere né visti né sentiti.

Le zone di sviluppo più comuni dei lipomi sono: spalle, collo, petto, braccia, schiena, natica, coscia.

Il più delle volte non comportano alcun disturbo, ma possono provocare dolore se comprimono i nervi vicini.

Le cause ancora non certe dei lipomi

La causa per lo sviluppo dei lipomi è ancora sconosciuta.

Dal momento che il disturbo si presenta frequentemente all’interno di una stessa famiglia, si ipotizza che nella suscettibilità all’insorgenza le cause genetiche giochino un ruolo importante.

La diagnosi dei lipomi

Per diagnosticare un lipoma il medico si avvale di un esame fisico generale, di una eventuale biopsia per analizzarlo e di una Ecografia.

Altre tecniche di imaging, come risonanza magnetica o Tac, sono utili se il lipoma è grande, ha caratteristiche insolite o sembra collocato più in profondità rispetto al tessuto adiposo.

Le procedure di rimozione dei lipomi

Nei casi di lipoma doloroso o in continua crescita, esso può essere asportato con una semplice procedura chirurgica di escissione.

Le procedure di rimozione includono:

  • Rimozione chirurgica.
  • Liposuzione.
  • Iniezioni di steroidi (questa pratica generalmente riduce il lipoma, ma non lo elimina completamente).

L´intervento avviene in ambulatorio in anestesia locale e dura, in genere, trenta minuti circa.

Dopo l´anestesia, il chirurgo incide la pelle con un bisturi ed asporta il lipoma insieme alla sua capsula fibrosa che lo avvolge; in questo modo non potrà più riformarsi.

Il rischio, infatti, è che, se il lipoma non viene tolto completamente, alcune cellule rimaste possano proliferare di nuovo.

Gli altri tipi di intervento sono: la laserterapia, la liposuzione o trattamenti a base di sostanze che inducono la lipolisi, cioè la decomposizione delle cellule adipose.

Dott. Gaetano Di Terlizzi