Le ultime novità del lifting senza bisturi

Le ultime novità del lifting senza bisturi

 

Sempre di più oggi si sente parlare di fili di trazione al viso e al collo come alternativa al vecchio lifting chirurgico.

Quello che salta subito all’attenzione è la non invasività del trattamento senza la necessità di passare attraverso la sala operatoria, senza l’anestesia, senza il taglio, senza la degenza, senza i postumi dell’intervento e soprattutto senza i rischi. In realtà non si tratta di una vera e propria novità, infatti i fili di trazione si utilizzano da circa 15 anni. La vera novità quindi non è nella tecnica, ma risiede nei nuovissimi materiali utilizzati nella produzione dei nuovi fili. I fili di sospensione o di trazione hanno infatti subito nel corso degli anni moltissime modifiche e miglioramenti sia nei materiali che nella tecnica di impianto.

Come sono fatti i fili?

L’ultima novità del “lifting mini thread” è quindi nel materiale di cui sono composti i nuovi fili. Questo nuovo metodo lifting è basato sull’inserimento di multipli mini aghi sul viso, sul collo e sul decoltè grazie ai quali vengono rilasciati all’interno del derma dei sottilissimi fili per bio-stimolare e per “tirare” (con dei conetti o piccole barbe) il tessuto grazie alla creazione di una vera e propria rete di sostegno. I fili sono di acido polilattico che oltre ad essere un ottimo materiale resistente hanno un effetto naturalmente biostimolante nel derma.

Quali aree è meglio trattare?

Le zone più indicate sono: arco mandibolare, area zigomatica, zona perioculare e sopracciliare, zona sottomentoniera, interno braccia, interno cosce, addome, glutei. Tale tecnica può essere associata a quella con fili semplicemente bio stimolanti.

Come avviene la preparazione?

Il paziente viene preparato con una blanda pre anestesia (se desiderato) con una compressa di paracetamolo e alcune gocce di diazepam circa un’ora prima. Contestualmente viene applicata la crema anestetica sulla cute interessata e poco prima della posa dei fili la cute viene infiltrata con anestetico locale dopo un’accurata detersione e disinfezione.

Cosa accade nell’intervento?

Il filo normalmente con due sottili aghi alle estremità opposte viene fatto penetrare da un unico punto e uscire nelle zone pre marcate con una matita dermografica. L’operazione è indolore.

Dopo la posa cosa succede?

I fili vengono trazionati come desiderato e recisi al foro di uscita dalla cute. Viene apposta una crema lenitiva o ghiaccio ed è consigliata una breve terapia nei giorni successivi con un antinfiammatorio a base di bromelina (ananas). In alcuni casi è indicata una profilassi antibiotica.

La cute in alcune zone affossata o affastellata dopo pochi giorni di distende e assume un aspetto naturale e sostenuto inoltre l’effetto lifting è visibile fin da subito.

L’effetto trazione si vede immediatamente e può essere corretto, anche successivamente.

Oltre agli effetti immediati, il risultato si manifesta dopo due mesi, si consolida nei mesi successivi e dura per 7-8 anni.

Questo lifting tramite fili di sospensione si realizza in meno di un’ora.

Di solito i fili di sospensione non provocano né rigetto né allergia. Sono adatti a tutti i tipi di pelle.

Precauzioni : dopo l’intervento il paziente può riprendere una vita normale, evitando di fare sport per 3 settimane, sauna, solarium.

Per leggere l’articolo completo fare click su questo link

Dott. Marco Castellazzi

Dott. Marco Castellazzi