La Chirurgia Plastica

l'esperto risponde + inserto video

 

Cosa rappresenta oggi la chirurgia plastica?

La chirurgia plastica è la chirurgia per eccellenza dove l’estro del chirurgo si fonde con la tecnica. In questo preciso momento storico la chirurgia plastica rappresenta la chirurgia del mondo moderno che persegue il concetto di salute e benessere.

Tutte le diverse specialità attingono alla chirurgia plastica e questo dimostra l’unicità, la versatilità e la trasversalità della nostra professione ma soltanto il chirurgo plastico incarna pienamente l’identità di questa specialità.

Si può parlare di chirurgia estetica prescindendo dalla chirurgia plastica?

Non si può assolutamente parlare di chirurgia estetica separatamente dalla chirurgia plastica. Per risponderle con una metafora potrei dirle che la chirurgia estetica rappresenta la punta di un iceberg e la chirurgia plastica tutto ciò che c’è sotto. Per questo motivo la chirurgia estetica è patrimonio del chirurgo plastico, in grado di utilizzare tutto il suo bagaglio tecnico per raggiungere l’ottimale estetico dove la chirurgia estetica è tecnica sofisticata con l’insight di ciò che è bello.

Quale sarà il futuro della chirurgia plastica?

Il futuro della chirurgia plastica è incerto e dipende essenzialmente da quanto i chirurghi plastici riusciranno a riacquisire la propria dignità professionale.

Purtroppo oggi giorno il chirurgo plastico viene percepito come colui che si occupa del botulino ma in realtà la chirurgia plastica è ben altro.

E’ l’unica chirurgia in grado di conferire benessere a 360° alla persona facendola sentire meglio con se stessa, nel corpo e nella mente.

Pensi soltanto alla chirurgia demolitiva mammaria e alle demolizioni oncologiche del volto senza ricostruzione: la vera difficoltà è coniugare l’atto demolitivo con quello ricostruttivo unitamente ad una finalità estetico-funzionale.

Ed è per questo che la funzione del chirurgo plastico è quella di padroneggiare quel know-how che gli permette di ripristinare tutte le strutture anatomiche senza mai perdere di vista l’aspetto morfofunzionale ed estetico.