Gengive gonfie o infiammate: cosa fare

l'esperto risponde

Dott. Morelli Coghi, le gengive vanno spazzolate?

Certamente sì. E’ molto importante per una corretta igiene orale spazzolare i denti con un movimento rotatorio che parta dalle gengive e arrivi fino alla zona masticante del dente. In questo modo è possibile rimuovere la placca depositata sui colletti gengivali e su tutta la superficie dell’elemento dentale.

Perché si può soffrire di gengive gonfie o infiammate e ciò significa automaticamente gengivite?

Ogni qual volta i batteri sotto forma di placca o tartaro si depositano a livello gengivale, dopo circa 10-20 giorni, la reazione consiste in una infiammazione che può determinare arrossamento e gonfiore alle gengive fino al sanguinamento. Esistono inoltre condizioni in nelle quali è presente un ingrossamento delle gengive detto “Ipertrofia”, prevelentemente causato da farmci quali antiepilettici, calcio-antagonisti, immunosoppressori e contraccettivi orali.

E’ possibile adottare rimedi fai da te o è opportuno andare dal proprio dentista il prima possibile?

E’ sicuramente opportuno rivolgersi il prima possibile al proprio dentista perchè in presenza di infiammazione e quindi gonfiore e sanguinamento la sola igiene domiciliare non è più sufficiente. Risulta infatti necessaria una seduta di igiene professionale che permetterà  di rimuovere la placca ed il tartaro causa dell’infiammazione. Il dentista inoltre fornirà le giuste nozioni per un utilizzo corretto dello spazzolino in modo da evitare che il problema si ripresenti in modo importante.

Se non si interviene tempestivamente a cosa si può andare incontro?

Il rischio maggiore se non si interviente tempestivamente è che la Gengivite degeneri in Parodontite. La differenza fondamentale tra le due patologie è che in caso di Gengivite se viene diagnosticata e curata c’è una totale Restitutio ad integrum dei tessuti senza danni permanenti. Nel caso di Parodontite al contrario la malattia può si essere curata e bloccata ma gli eventuali danni causati ai tessuti non sono reversibili.

 

Studio Dentistico Morelli Coghi