Eliminare le emorroidi in maniera selettiva con la crioterapia

l'esperto risponde

Dott. Petracca cos’è la crioterapia selettiva per eliminare le emorroidi e quando nasce?

Partiamo dalle origini. Ho iniziato ad operare con la tecnica della Crioterapia non selettiva (o tradizionale) quarant’anni fa, nel 1977, con risultati senz’altro ottimali, ma essa prevedeva il congelamento di tutto il plesso emorroidario, con l’obbligo di trattare a distanza di tre settimane ogni nodulo. Purtroppo, alcuni colleghi dell’epoca per fare interventi più veloci hanno provocato gravi danni ai pazienti, a causa di cicatrici che hanno ristretto il canale anale, lesionando in alcuni casi lo sfintere. A quel punto, intorno alla metà degli anni 80, ho ideato una tecnica che unisce la legatura elastica e la crioterapia tradizionale, evitando di entrare in contatto con la parete del retto e sostenibile con una semplice anestesia localizzata, appunto la crioterapia selettiva.

Quali sono i vantaggi della crioterapia selettiva?

Il più grande vantaggio consiste nel fatto di poter intervenire solo ed esclusivamente sui noduli interessati con estrema precisione. In questo modo diviene una metodica poco invasiva, eseguibile in ambulatorio e pressoché priva di controindicazioni. Grazie alla crioterapia selettiva possiamo decidere su quali noduli emorroidari (interni, o prolassati) intervenire, isolandoli dalle mucose sane mediante una speciale legatura che ci consente di trattare solo le zone scelte, senza dover necessariamente coinvolgere la parete del retto. La possibilità di selezionare su che tipo di tessuto intervenire assicura una serie di importanti vantaggi, tra cui l’esecuzione di un intervento completo in un’unica seduta di circa mezz’ora e la possibilità per il paziente di tornare autonomamente alla propria abitazione e di riprendere subito o quasi le proprie attività.

Ci sono soggetti più o meno adatti a questo tipo di intervento?

La crioterapia selettiva in linea di principio è, a mio parere, adatta in tutti i casi di emorroidi, ma è chiaro che vadano fatte attente valutazioni preventive, anche alla luce dello stato complessivo di salute del soggetto. Ogni specialista ha le sue idee e io le rispetto. Il paziente, se lo desidera, può sentire più pareri e optare per il medico che gli ispira maggiore fiducia.

Le  emorroidi risolte con crioterapia selettiva possono recidivare?

Qualsiasi intervento medico non esclude totalmente il rischio di recidiva. Chi è disposto a garantirlo o non sa o mente sapendo di mentire. Con la crioterapia selettiva le recidive a breve termine non sono previste. In base allo stile di vita del paziente, è possibile che a distanza di molti anni dall’intervento si riproponga il problema, ma in genere un controllo annuale permette di evitarlo.

Dott. Mario Petracca