Edamame, cosa sono e perchè fanno bene

Edamame, cosa sono e perchè fanno bene

Gli edamame sono baccelli di fagioli di soia, non più lunghi di 6 cm, presenti nella tradizione alimentare asiatica e, soprattutto, sulle tavole giapponesi, cinesi, coreane e hawaiane.

Questi legumi di colore verde brillante sono ricchi di proteine, calcio, fibre, ferro, magnesio, oltre a vitamine e altri mineraliin cucina sono molto versatili perchè sono la base per numerose preparazioni.

Dove si coltivano

Attualmente, gli edamame sono coltivati prevalentemente in Asiama dal XX secolo sono state avviate produzioni sia negli Stati Uniti che in Inghilterra, mentre in Italia, dal XXI secolo, è presente una piccola coltivazione presso le rive del Po. La stagione della raccolta dell’edamame è in estate, ma il prodotto è facilmente reperibile surgelato tutto l’anno, sia in baccello che sfuso.

Come si mangiano

Gli edamame devono essere consumati previa cottura, perché contengono una tossina che può provocare disturbi allo stomaco come vomito e diarrea.

Si possono semplicemente lessare o cucinare a vapore, fatti fermentare per produrre la famosa salsa di soia presente sulle tavole dei sushi bar o nei ristoranti asiatiatici, oppure cotti e spremuti per la produzione di latte usato per realizzare il tofu.

Fonte di proteine vegetali

Questi fagioli verdi appartengono alla famiglia dei legumi per cui hanno un apporto proteico pari a 11gr ogni 100 gr di prodotto e sono particolarmente adatti per un dieta vegetariana, vegana o per chi vuole limitare l’assunzione di proteine animali. Per quanto riguarda le calorie, apportano circa 122kcal per ogni 100 gr.

Fonte di vitamine e non solo

Inoltre, questo fagiolo giapponese contiene vitamineA, B-12 e K, piccole quantità di vitamina C, oltre che ferroGli edamame contengono anche la genisteina che aiuta a mantenere attivo il nostro sistema immunitario ed adeguati livelli di glucosio nel sangue.

Le vitamine del gruppo B intervengono nel metabolismo cellulare e l’assunzione di folati (vitamina B9) prima del concepimento e durante la gravidanza è essenziale per un armonico sviluppo del feto.

La vitamina C e il manganese rallentano la formazione dei radicali liberi, il potassio è un ottimo alleato della salute cardiovascolare, calcio e fosforo rinforzano ossa e denti e il ferro è utile per la produzione dell’emoglobina.

Edamame e soia per la salute

Utili anche per chi soffre di diabete,in quanto alcuni studi sostengono che riducano la resistenza all’insulina e aiutano a ridurre il colesterolo cattivo.

Molti studi concordano sulla capacità degli isoflavoni di proteggere dalle malattie cardiovascolaridall’osteoporosi, prevenire e curare l’ipertensione. I fitoestrogeni della soia sono efficaci nel prevenire i disturbi della menopausa.

Per quanto riguarda le proprietà antitumoralida diversi anni in ambito scientifico la soia è al centro di un dibattito che ad oggi non ha portato a conclusioni condivise.

Controindicazioni

Di questi fagioli, nonostante le numerose proprietà benefiche, non bisogna abusare, in quanto in qualche caso potrebbero interferire con l’attività di alcuni farmaci, come quelli destinati alla cura della tiroide oppureai diuretici. Quindi, se si soffre di particolari patologie, è meglio chiedere consiglio al proprio medico di famiglia.

Curiosità

Secondo uno studio della Harvard Medical School del 2017, la soia e i suoi derivati avrebbero un influenza positiva sulla fertilià e andrebbero quindi consigliati alle donne che hanno difficoltà a rimanere incinta.

 

Alessia Almasio