Disordini temporo-mandibolari e osteopatia

Disordini temporo-mandibolari e osteopatia

I disordini temporo-mandibolari DTM sono un insieme di manifestazioni dolorose di  natura infiammatoria o degenerativa che interessano le articolazioni temporo-mandibolari.

La sindrome temporo-mandibolare colpisce maggiormente le donne in un rapporto di 8 a 1 rispetto agli uomini.

Sintomi

I sintomi possono essere cefalea e indolenzimento dei muscoli masticatori oppure scatto sonoro delle articolazioni della mandibola.

Cause

I disordini temporo-mandibolari sono causati da problemi dei muscoli o delle articolazioni della mandibola o del tessuto fibroso che li collega.

In genere, la causa è rappresentata dall’associazione di tensione muscolare e problemi anatomici delle articolazioni. A volte possono avere una componente psicologica.

E’ importante avere una diagnosi precisa in modo da favorire una rieducazione dell’articolazione temporo-mandibolare.

Le principali cause sono:

  • Stress management,
  • Tensione emotiva,
  • Mimica facciale,
  • Traumi alla mandibola,
  • Traumi al rachide cervicale (colpo di frusta),
  • Traumi alla testa,
  • Artrosi dell’articolazione temporo-mandibolare,
  • Problematiche ai denti che non riescono a rimanere in contatto in fase di chiusura della bocca,
  • Otturazioni non eseguite in maniera ottimale,
  • Malocclusione,
  • Protesi dentali non perfette,
  • Lussazione della mandibola,
  • Digrignamento/ serramento diurno e notturno della bocca,
  • Ansia.

Cure

In tutti questi casi, può essere di grande aiuto l’intervento dell’osteopata.

Esistono tecniche di rilascio della muscolatura masticatoria che risolvono il problema. Il paziente può così riprendere la sua vita normale, mangiando normalmente.

L’intervento dell’osteopata può essere utile per suggerire il coinvolgimento dell’ortodonzista. In questo modo sarà possibiler modificare il movimento masticatorio e di conseguenza la postura

Il trattamento osteopatico ottimizza le soluzioni ortodontiche (apparecchi e protesi). Le tecniche manuali a cui si ricorre si concentrano sulla colonna vertebrale, sulle articolazioni, sui legamenti e sui muscoli della mandibola.

La manipolazione agisce allentando le tensioni e ripristinando la mobilità delle articolazioni. L’approccio osteopatico prevede, oltre il trattamento della zona dolorante, la ricerca della causa primaria dello scompenso.

Alberto Bozzolan

Dott. Alessandro Garlinzoni