Otorinolaringoiatria

L’Otorinolaringoiatria (abbreviata solitamente con la sigla ORL) è una disciplina medico-chirurgica complessa, che comprende un’ampia serie di patologie riguardanti orecchio, naso, cavo orale (tonsille), gola (laringe/faringe), ma anche problematiche inerenti le strutture di collo e testa (tiroide/paratiroide). L’Otorinolaringoiatra, di norma, ha competenze a 360° ma, soprattutto quando si tratta di intervenire chirurgicamente, esistono ormai Specialisti per ogni parte del corpo (Audiologo, Otologo, Rinologo). Storicamente lo Specialista unico deriva dal fatto che spesso la causa patogena, sia essa di natura infettiva, traumatica o tumorale, colpisce congiuntamente due o più sedi tra quelle sopra citate.

Tra le patologie più comuni per l’orecchio citiamo la sordità, che può essere dovuta all’anzianità, e quindi “curabile” tramite appositi apparecchi acustici, ma anche congenita (studi per trovare una cura sono in corso) e di natura virale (contrastabile con terapia farmacologica), quindi possibile anche fin dalla nascita o comunque in giovane età. Per quanto riguarda il naso, sono molti i disturbi all’ordine del giorno. Tra sinusiti, riniti, polipi nasali, allergie delle alte vie aeree, di frequente dovute ad agenti ambientali, sono in costante aumento le persone che si rivolgono al Medico Specialista manifestando problemi nella respirazione. Inutile dire quanto tutti questi disturbi possano influire negativamente sulla qualità della vita, ad esempio rovinando il riposo notturno con continui risvegli dovuti ad apnee nel sonno.

Alcuni tumori, quello della tiroide in primis, coinvolgono anche la figura dell’Endocrinologo, così come situazioni decisamente meno gravi, quali gli acufeni e le vertigini possono coinvolgere il Neurologo (si parla di neurovestibologia). Ci sono poi tutta una serie di patologie che riguardano il cavo orale e la gola (disfonia, noduli vocali, eccetera).
riga