Ossigeno Ozono Terapia

Un rimedio alternativo “trasversale” in rapida diffusione è l’Ossigeno Ozono Terapia. Trattasi di una miscela gassosa di ossigeno ed ozono che viene somministrata attraverso diverse tecniche (intramuscolare, sottocutanea, intrarticolare, endovenosa – autoemo infusione – insufflazione rettale, vaginale e nasale) sulla base della patologia da curare. La particolarità è dovuta al fatto che tale terapia, oltre a non avere controindicazioni, né effetti collaterali né provocare dolore, risulta efficace in ambiti completamente diversi tra loro: patologie ortopediche, circolatorie, trattamenti di medicina estetica, solo per citare gli utilizzi più diffusi.

In particolare gli sportivi ne traggono grande giovamento in presenza di cervicalgie, lombalgie, tendiniti, grazie alla potente azione antinfiammatoria e antidolorifica. Inoltre, alcune forme di ernia del disco sono eliminabili attraverso il processo di disidratazione dell’ernia dovuto all’azione dell’Ossigeno Ozono Terapia. Più recenti, e in alcuni casi ancora in fase di studio, sono gli effetti positivi su altre malattie quali la cefalea tensiva e a grappolo, malattie della pelle, odontoiatriche, oculistiche, ginecologiche, dell’apparato digerente, eccetera.

Da sottolineare come risulti efficace anche per combattere l’epatite B e C: pazienti sottoposti ad autoemoinfusione di sangue ozonizzato hanno evidenziato una netta riduzione della carica virale in circolo ed addirittura alcuni sono diventati HCVRNA negativi (cioè il virus è risultato scomparso). L’eterogeneità dell’efficacia, unita al fatto che si tratti ancora di una novità per il grande pubblico, fa sì che si debba prestare grande attenzione nel rivolgersi a medici certificati, autorizzati a somministrare tale terapia.
riga