Cardioversione elettrica esterna della fibrillazione

Focus

Abbiamo confrontato il grado di soddisfazione del paziente e l’impatto economico della terapia anticoagulante con Rivaroxaban rispetto agli inibitori della vitamina K (AVK) in pazienti sottoposti a cardioversione elettrica esterna (una procedura in grado di interrompere aritmie cardiache eseguendo una sorta di “reset” dell’impianto elettrico del cuore) in elezione per fibrillazione atriale non valvolare.

Metodi e Risultati

Questo Studio è una analisi post hoc dello studio multicentrico, prospettico X-VeRT (EXplore the efficacy and safety of once daily oral riVaroxaban for the prevention of caRdiovascular events in subjectd with non valvular aTrial fibrillation scheduled for cardioversion). Il grado di soddisfazione riferito dal paziente, relativo al trattamento anticoagulante, è stato determinato utilizzando in sette Stati il questionario “Treatment Satisfaction Questionnaire for Medication” versione II. In due casi (Regno Unito e Italia) è stato sviluppato un modello economico per stimare l’impatto conseguente alla posticipazione della cardioversione.

Questo modello ha stimato i costi totali della cardioversione, considerando quelli della terapia farmacologica (includendo il costo del trattamento prolungato in caso di posticipazione della procedura di cardioversione),  del monitoraggio del valore dell’INR (International Normalized Ratio), della procedura di cardioversione e della riprogrammazione della procedura. Tali costi sono stati collegati ai dati dello Studio X-VeRT per stimarne il totale. I pazienti che hanno assunto Rivaroxaban nel gruppo con cardioversione ritardata avevano punteggi più alti in termini di Comodità,  Efficacia, e Soddisfazione globale (81,74 vs 65,78; 39,41 vs 32,95; e 82,07 vs 66,74, rispettivamente; P< 0,0001). Considerando la popolazione intera di pazienti nel gruppo con cardioversione posticipata dello studio X-VeRT inclusi nel sottostudio di analisi del grado di soddisfazione (n= 632), l’uso di Rivaroxaban ha prodotto un risparmio di 421 £ e 360 € rispettivamente nel Regno Unito e in Italia.

Conclusione

L’utilizzo di Rivaroxaban per la cardioversione elettrica esterna ha prodotto una maggiore soddisfazione del paziente ed un risparmio economico rispetto alla terapia standard con AVK.

cappato cerchio

Dott. Riccardo Cappato